Look da Matrimonio, una vera giungla

 
 
 
È ufficialmente cominciata la stagione dei matrimoni, e come quando comincia la stagione della caccia, è un po’ come se avessero aperto le gabbie, con ogni tipo di bestia che scorrazza liberamente, ignara che la Carla Gozzi di turno, armata fino ai denti, ucciderà la preda a forza di frecciatine sull’outfit.
 
Scegliere l’abito per un evento importante come un matrimonio, non è una scelta facile e può mettere in crisi anche la fashionista più accanita. A molti sembrerà esagerato ma forse ci sono 10 cose che non sapete sulla scelta del "Look da Matrimonio":
 
1)        SCAMPOLI A PESO D’ORO: I negozi che vendono abiti da cerimonia propinano delle schifezze inaudite che neanche le sorellastre cattive di Cenerentola oserebbero farle indossare, oltretutto occhio al cartellino perché i negozianti cavalcano la disperazione delle invitate e fanno sborsare centinaia di euro per uno straccetto con due strass che ti fa somigliare a Camilla d’Inghilterra.
 
2)        STRETCH & KITSCH: evitate come la peste bubbonica gli abitini corti ed attillati in tessuto lucido sintetico – elasticizzato – in poliammide che urla ai quattro venti SONO MADE IN CHINA!! Crimine fashion a parte, questi tessuti hanno il brutto di vizio di far notare subito quando si suda ed ovviamente ogni tipo di piccolissima imperfezione, dal corpo poco tonico alla biancheria intima della nonna. Se poi è anche mono spalla o con le bretelline sottili, scivolare nel kitsch indossando un reggiseno a vista, magari colorato, è un attimo. Tutte cose viste con gli occhi di questa stessa faccia … vi prego EVITATE!
 
3)        LA LUNGHEZZA E’ TUTTO: ma soprattutto deve essere TATTICA!
Per i matrimoni in chiesa l’orlo della gonna deve arrivare al massimo un dito sopra al ginocchio quando si è in piedi, mentre le spalle devono essere coperte (magari da un copri spalle o foulard da togliere appena si esce). Non state andando in discoteca, per essere belle ed eleganti non serve vestirsi  da strappona. Notate Bene: se avete un fisico a pera come il mio, con gambette che somigliano a prosciuttini con la cellulite, fatevi un favore, COPRITELE! Non fraintendetemi, sono la prima che sostiene di non doversi mai vergognare dei propri difetti però ogni tanto bisogna mettere da parte il manifesto di lotta contro le magre e sfoggiare un po’ di intelligenza. Le foto dei matrimoni rimangono negli annali e fanno il giro di tutte le comari, volete realmente sembrare dei cotechini impomatati solo per una questione di principio? Poi non andiamo in depressione dando la colpa al fotografo che ci immortala sempre quando sembriamo più grasse basse e tozze!
 
4)       COLOR FLOP: Ricordate, il matrimonio non è vostro e non siete nemmeno ad un funerale, il galateo vieta categoricamente outfit total black o total white. Per un mio personale gusto, eviterei anche il rosso acceso tinta unita, troppo eccessivo per una cerimonia. Per la sera non abbiate paura di sfoggiare abiti più eleganti dai toni più scuri rispetto al giorno. 
 
5)       LESS IS BETTER: Prediligete gli abiti semplici, anche se vi sentite Lady Gaga cercate di affrontare la dura realtà… non lo siete! Un abitino leggero in chiffon dai toni pastello o sorbetto vi risolverà la giornata, e se proprio volete osare, per farvi notare usate gli accessori. Se ben dosati farete un figurone.

 
 
6)          SCOLLI E ABBRONZATURE: Se la data del matrimonio è fissata dopo le vostre ferie e adorate prendere il sole vi prego VI PREGO dotatevi di costumi a fascia!!!! Nessuno vuole vedere o vedersi in foto con il segno del costume, ricordatevi il Flash amplifica molto queste differenze di colore. Quindi se per errore vi siete addormentate sotto il sole e non volete mostrare né le abbondanti grazie nè i segni del costume, cercate di evitare gli abiti troppo scollati.
 
7)          ACCESSORI: sì ai tacchi alti ma occhio a non eccedere, il mal di piedi e la volgarità sono dietro l'angolo. No alle maxi bag, scegliete una pochette pratica ma dal formato mini, lasciate tutto il non necessario in auto. ps: assicuratevi di avere nel bagagliaio dei sandali flat gioiello o delle più classiche ballerine.
 
 
8)    IL ROSA STA BENE A TUTTE: anche se è un colore che ci riporta un po' troppo alla nostra infanzia, e per questo motivo molte di noi non lo usano, dobbiamo riconoscere che il rosa pastello sta bene proprio a tutte, bionde, more e rosse. Un colore passepartout che si adatterà a qualsiasi tipo di carnagione.
 
 
 
 
9)           TROVATE IL TEMPO PER DISPERARVI: Cominciate la ricerca dell’abito almeno 2 mesi prima, non sperate in un miracolo o che gli uccellini di Cenerentola vi confezionino una mise da favola qualche secondo prima della cerimonia. Dovete avere il tempo di farvi cogliere dalla disperazione e passare in rassegna tutti gli store online, ultima spiaggia in questo mondo crudele. Il Top? Asos.it che ha dedicato una sezione del suo online shop ad abiti e accessori proprio per occasioni importanti come un matrimonio (Asos: speciale matrimoni).
 
10)          L’ALTRA META’ DELLA MELA: Se siete uomini ed avete avuto la pazienza di leggere gli altri punti, vi siete guadagnati un consiglio. Non c’è niente di più bello che un uomo con un bel completo, che sia scuro o color carta da zucchero, l’importante è che sia di buona fattura con un bel taglio che valorizzi la fisicità. VI PREGO niente giacche anni ‘80 di vostro padre, Jeans slavati e t-shirt “simpatiche”, fate un piccolo investimento … vedrete che ne varrà la pena.
 
 
Con affetto
 
Elisabetta  
 
 
All looks by ASOS.IT
 
FOLLOW ME ON TWITTER,   FACEBOOK  and  INSTAGRAM
 

Commenti

labibu ha detto…
io ho acquistato secoli fa un abito blu (e quando dico blu e basta intendo proprio blu, nel senso che non è navy, ma neanche altre tonalità più chiare) da zara, in cotone, a sacco, con un motivo laterale che lo rende un po' originale. tipo 40 euro. e ora è l'abito da matrimonio, da cerimonia e sai cos'altro per l'estate. grazie al cielo non ne ho quasi mai - per ora - ma con i dettagli nude fa la sua figura!

Post più popolari