Fratelli Rossetti: the Hobo is back


I Fratelli Rossetti fanno un salto nel passato e riaprono l’archivio storico. Un po’ come noi che ci avventuriamo nell’armadio della nonna per scovare qualche pezzo “in” per nostri look. Alla presentazione della collezione primavera estate 2012, si riscopre l’autentico Dna del marchio ma reinterpretato in chiave moderna. Colori naturali, alta qualità dei materiali e lavorazioni secondo i metodi tradizionali, gli stessi da oltre 60anni.

Fratelli Rossetti’s toke a jump back in time and re-open the time-honored archive. As ourselves that we open the nanny’s wardrobe, searching for some fashionable old dresses for our looks. At s/s 2012 presentation, we discovered the authentic Dna of the brand, which has long proven itself capable of combining innovation with tradition. Natural colors inspired by the earth, high quality materials and traditional workmanship techniques, the same used in over 60 years of business.

Fra gli highlights della collezione, c’è il ritorno della Hobo, la “stringata senza stringhe”con una nuova gamma di colori: navy, avorio e corda. Comodissime, le Hobo sono molto femminili e l’effetto guanto è assicurato (le ho provate e sembra di camminare sulle nuvole). A rubare il mio cuore però, è stata la collezione Chimera, realizzata con materiali provenienti dall’archivio dell’azienda. Si basa sul gioco delle opposizioni, i contrasti di colori, di pellami e di linee volutamente forti per creare un effetto inusuale. Irresistibili i sandali dal tacco quadrato, anche in versione ultra flat, impreziositi da una piccola fibbia dorata, intrecci e contrasti. L’uomo invece rivive anche attraverso la riedizione di modelli storici. È il caso dei Brera, presentato in colori e materiali inaspettati, come il batik o l’intrecciato.
The Highlights of the collection include the return of the Hobo, the “lace-up without laces” in a new range of colors geared towards understatement: navy, ivory and cord. Flat and made in ultra-soft, glove-like leather, are really comfortable (I tried them, and looks like walking on clouds). But what I really appreciate and love, was Chimera collection. Made by using materials form the company archive, is based on the opposites effects: contrasts in colors, leathers and silhouettes are all intentionally striking.  Irresistible  sandals with squared heels, also in flat version with gold details. For Man, new editions of past models, Such in the case with the Brera, presented in unexpected colors and materials, such as batik or weaving.










Come ad accompagnare tutta la collezione, la mostra Masters’ Hands – tra innovazione e tradizione. L’idea è di raccontare in chiave diversa questi concetti, valori base della storica azienda lombarda, attraverso specialissimi “ritratti “ di mani, realizzati da due fotografi italiani: Giovanni Gastel e Guido Taroni.

All the collection is accompanied by Masters’ Hands exhibition - Between innovation and tradition . The idea is to deal in a different way with these concepts, fundamental values of the historic Lombard company, through very special “portraits” of hands made by two Italian photographers: Giovanni Gastel e Guido Taroni.




Commenti

S ha detto…
Secondo me le creazioni migliori escono proprio quando vengono riaperti gli archivi: questi modelli sono bellissimi e di classe!
Un bacio!
S
http://s-fashion-avenue.blogspot.com
Elisabetta Balsamo ha detto…
Grazie S, hai proprio ragione!
Scacco alle Regine ha detto…
Secondo me i cari Roseetti's Brothers hanno fatto centro!!! Ci sono un sacco di cose meravigliose e mi sa che questa primavera.. un acquisto ci scappa!!

GLORIA
{ Scacco alle Regine }
Alessandra Nido ha detto…
Io li amo li amo li amo! Fanno cose eccezionali! *_*

MissPandamonium

Post più popolari